[LEC] W4-Fnatic. weekend di alti e bassi per i vice-campioni. bene sugli Excel, brutta batosta dai g2

Quarta settimana di European Championship di alti e bassi per i tanto attesi vice-campioni mondiali. Dopo una lunga attesa di quasi 1 mese i Fnatic sono tornati a performare nel modo che tutti i loro fan e gli appasionati di eSport hanno imparato a conoscerli salvo poi subire una pesante battuta d’arresto il giorno successivo contro i G2.

Sabato 08/02

Formazioni ai nastri di partenza e rispettivi ban

I Fnatic, così come gli Excel, optano per una draft classica, senza grosse invenzioni o scelte innovative. Urgot viene immediatamente messo nelle mani di Bwipo , dopo aver superato indenne la fase di ban, al quale rispondono gli Excel con il doppio pick di Sylas (campione fresco di rilascio) per Expect e KaiSa per Jeskla. A questo segue la doppia scelta dei Fnatic con cui si assicurano la coppia Vastaya (XayahRakan) per la corsia inferiore; la stessa lane viene poi completata dagli avversari con Braum. A definire i quintetti arrivano poi Lee Sin e Syndra, lato blu, ed Aatrox e LeBlanc lato rosso.

Dopo un paio di schermaglie per parte che non hanno portato a nessuna kill, al 9′ è Nemesis ad assicurarsi il primo sangue con un perfetto Potere senza limiti (R) sul malcapitato Caedrel che aveva trovato l’ingaggio su Broxah, nel fiume lato drago. Per la riuscita dell’uccisione è stato essenziale anche l’intervento di Hylissang con l’utilizzo, nell’ordine, di Toccata e fuga (W), Flash e Ingresso trionfale (R).

Situazione che mette i Fnatic davanti ad una discesa che i vice-campioni del mondo imboccano senza grossi ripensamenti andandosi ad assicurare un Drago infernale. Subito dopo Broxah trova la seconda kill di squadra su Exile con una delle più scolastiche gank in corsia centrale, dopo l’ingaggio di Nemesis sull’avversario. Al 16′ ancora protagonista il jungler danese che, con una Punizione all’ultimo secondo, trova l’uccisione su kaSing e permette ai suoi compagni di abbattere l’ultima torre esterna degli Excel.

Condizione di tranquillità, per il team di Youngbuck, che viene ulteriorimente confermata dalla conquista del potenziamento del Barone dove Broxah ha dato lezione di Lee Sin: esce dalla tana con la Salvaguardia (la W), calcia via Caedrel con la Furia del Dragone (R) per poi rientrare con la stessa W e eseguire la Punizione sul Nashor. Azione anticipata dalla kill trovata da Rekkles su Exile in corsia centrale.
Con il buff viola nella proprie mani ai Fnatic non resta che accompagnare i minion dentro la base avversaria e prenderne il controllo distruggendo il Nexus.

Dopo un paio di settimane di belle e convincenti performance, stavolta c’è poco da fare per gli Excel, la conduzione di gara dei Fnatic è impeccabile e ordinata. Bwipo esibisce una prova solida in top lane non correndo rischi, tenendo sotto pressione Expect e trovando anche validi spostamenti sulla mappa. Buona prestazione anche di Nemesis che ben controlla la grande mobilità di LeBlanc e approfitta delle occasioni per portarsi in vantaggio. Bene Broxah che torna ad essere incisivo con uno dei suoi migliori pick (Lee Sin) e in grande spolvero anche Hylissang che protegge e sostiene Rekkles per l’intera fase di corsia.

Domenica 09/02

Passano poco più di 24h e i Fnatic tornano sulla Landa, ad attenderli c’è la corazzata dei G2 dell’ex Caps, freschi dell’ancora una volta convincente vittoria contro i Vitality.

Formazioni ai nastri di partenza e rispettivi ban

Fase di pick&ban discutibile per i Fnatic, da manuale i ban di Akali e Karthus per toglierli dalle mani di Caps e Jankos; comprensibile ma non essenziale quello su Sylas, sembra che il mid laner lo stia allenando ma al momento il campione non si è dimostrato tanto pericoloso; invece, lasciano perplessi i ban di Gragas e Camille, mai utilizzati dai G2. La stessa sensazione viene trasmessa dall’immediato pick di Ornn per Bwipo, dopo Jayce per Wunder, istantaneamente arginato dagli avversari con Lucian e Braum nella bot lane. I restanti pick non sconvolgono più tanto con Broxah nuovamente su Lee Sin, Nemesis su Lissandra per arginare l’avversario di linea, selezionati poi Jinx (probabilmente a causa del ban di Kennen) e Thresh per Rekkles e Hylissang, due campioni che interagiscono bene tra loro e un ADC che si presta allo stile del giocatore che brilla con campioni basati sullo scaling.
Per gli indomabili Samurai ban senza grandi sorprese, rimossi Rakan (dopo la bella performance di Hylissang), Urgot (per Bwipo) e Cassiopeia (favorita dal meta, con cui Nemesis ha ben giocato); gli ultimi due campioni bannati sono stati dedicati a Rekkles, rimuovendo KaiSa e Kennen (il quale sembra in fase d’allenamento per il tiratore in arancione). Oltre a già citati champions, gli ultimi due pick sono ricaduti su Olaf per Jankos e Zoe per Caps.

Pronti via e subito si mettono bene le cose per i G2, Perkz e Mikyx le grandi potenzialità in early dei loro campioni con il primo sangue che va nelle mani di Braum dopo l’applicazione dell’Ustione su Hylissang. Provano a rispondere a tono i Fnatic con Broxah che trova l’uccisione ai danni di Wunder, grazie al buon ingaggio di Bwipo con il Richiamo del dio della forgia (R). Ma tutto viene vanificato dall’aggressione portata da Jankos nella corsia inferiore, dopo la conquista del Drago infernale, che frutta una doppia kill nella mani di Perkz, prima su Hylissang (sacrificatosi nel tentativo di protegerre il suo tiratore) e poi su Rekkles, raggiunto da Olaf ed il suo Ragnarok e punito poi da un Bagliore ardente e un’auto-attacco del tiratore per essersi allontanato tardivamente dal fight.

La situazione si fa sempre più critica per i Fnatic al 17′ quando i G2 sono avanti di oltre 10.000 gold con Caps che trova l’uccisione in 1vs1 su Nemesis dopo aver annullato la sua Tomba di ghiaccio con la Purificazione e una “semplice” combo di Bolla della nanna-Stella vagante-Sfinimento-Tuffo nel porta e autoattacco. Nei restanti 3 minuti si assiste alla progressiva avanzata dei Samurai con i Fnatic che non hanno modo di rispondere all’offensiva e fortunatamente per loro, gli avversari pongono fine alle loro sofferenze a 20:30.

Il team di Grabbz continua a dettare legge nel LEC, al momento le uniche sbavature si sono visti nelle prime fasi dei matches contro Excel e Splyce, ma sono state comodamente arginate da prestazioni fuori dal normale di alcuni singoli componenti. Nonostante i ban su alcuni campioni preferiti i G2, al momento, trasformano in oro qualsiasi cosa abbiano in mano. L’affinità tra Mikyx e Perkz cresce di partita in partita, Caps continua a esibire prestazioni eccellenti, Wunder continua a dare certezze e Jankos sembra aver limato quelle lacune mostrate agli scorsi Mondiali.

Poco da dire per i Fnatic che sono stati letteralmente sopraffatti dagli avversari, non ci sono stati errori vistosi ma semplicemente i G2 sono in uno stato di forma eccelso che per adesso li rende imbattibili. Piccola nota positiva, sta crescendo l’intesa tra Nemesis e Broxah con il jungler che si è reso autore di una buona prova, segnale che sta tornando quello che abbiamo visto ai Mondiali in grado di trovare risorse in giro per la Landa.

E lo saluto!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: