[LEC-Su] W2 – G2. Quando scatta il “Momento G2” non c’è avversario che tenga. Samurai in vetta.

La corazzata dei Samurai non conoscono il significato della parola fatica, infatti, dopo le vittorie dello Spring Split e dell’MSI, continuano ad imporre la loro legge. I ragazzi guidati da Grabbz, al momento, sono gli unici, insieme agli argentini degli Isurus Gaming, a non essere ancora stati sconfitti tra i team che hanno partecipato al Mid Season Invitational.

In questa seconda settimana di European Championship i G2, come nel caso della prima, erano contro degli avversari che si sulla carta potrebbero sembrare più indietro rispetto a loro ma al tempo stesso possono diventare insidiosi se presi alla leggera.
Ma non c’è da preoccuparsi perchè i Samurai continuano non sbagliare un colpo e nonostante nelle fasi iniziali di entrambe le partite l’equilibrio l’ha fatta da padrone prima o poi arriva quel “momento”, quell’attimo in cui i G2 spingono sull’acceleratore e travolgono chiunque abbiano davanti senza dargli la minima possibilità di reagire. Contro gli SK questo momento è giunto al minuto 25, mentre contro i Vitality al 13′. Tutto ciò testimonia come i campioni dell’MSI non siano ancora sazi e ovviamente quanto continuino ad allenarsi senza badare ai titoli che hanno già conquistato. Tra tutti, in queste prime giornate di LEC, è salito alla ribalta Perkz con alcune partite da protagonista assoluto che dovrebbero aver finalmente convinto anche i più dubbiosi su come sia a suo agio anche nel ruolo di tiratore. Ma questi dubbi erano probabilmente legati al fatto che il giocatore croato ha espresso uno stile di ADC differente dall’ordinario, meno spettacolare ma comunque efficiente e alla pari con gli altri tiratori. In grande spolvero anche l’altro occupante della corsia inferiore, Mikyx, che, prima con Rakan e poi con Yuumi, ha letteralmente danzato tra i propri compagni e gli avversari regalando sia kill che salvataggi provvidenziali, come testimoniato dagli scores: 0/2/15 nel primo caso e 0/3/21 nel secondo.
Per il resto dei componenti del team (Wunder, Jankos e Caps) non c’è tanto da aggiungere, le loro qualità e capacità meccaniche sono ormai rinomate ma loro si preoccupano di ricordarcelo ad ogni partita. Inizio di partita in salita per il top laner contro gli SK con Selfmade e Sacre in costante pressione su di lui nel tentativo di tagliarlo fuori dai giochi. Il piano però non è andato a buon fine e quando è arrivato quel fatidico “momento” anche il Viktor di Wunder era online (7/3/9 lo score finale). Il discorso si diversifica, almeno in parte, nella sfida contro i Vitality, in cui il suo Yorick, durante la sua fase di corsia, se l’è dovuta vedere principalmente in solitaria contro Cabochard ed il suo Jayce. Ma anche in questo caso quando è giunto il momento di chiudere i giochi il top laner non si è tirato indietro concludendo con un KDA che recita 8/1/5. Per quanto riguarda la giungla non ci sono grosse novità, la solidità della coppia Jarvan IV-Jankos aumenta match dopo match, mentre con Elise è solita amministrazione. Infine, per Caps due partite meno spettacolari del solito Sylas (2/2/10) e Neeko (3/2/8).

Passando rapidamente alle prestazioni degli avversari buona la prova sia degli SK che dei Vitality. Per i primi buone le prove di Sacre (Kennen) e Selfmade (Lee Sin) che, come detto in precedenza, prendono il controllo delle prima fasi di partita portando dalla loro parte numerose risorse. Prestazione in ombra per Pirean che non è sembrato a suo agio con in mano Neeko (0/5/4).
Periodo complicato per i Vitality dello “Stallone Italiano” Jiizuke ancora a secco di vittorie dopo i primi 4 matches. Però, questa gara contro i G2 fa ben sperare per il proseguo della competizione perchè finalmente si è rivisto quello stile di gioco che ha caratterizzato il team guidato da Yamatocannon allo scorso mondiale. Buona la prova di Jactroll che, abbandonati i campioni fragili come Yuumi in favore di roba più tankosa come Nautilus, torna a performare in maniera convincente. In ripresa anche la condizione di Jiizuke e Mowgli, quest’ultimo dopo aver giocato un Olaf non troppo convincente nella prima giornata, torna su un campione più aderente al meta come Sejuani placando momentaneamente le critiche sulle sue capacità.

G2 vs SK GAMING

Formazioni ai nastri di partenza con rispettivi ban e skin
Formazioni ai nastri di partenza con rispettivi ban e skin

G2 vs VITALITY

Formazioni ai nastri di partenza con rispettivi ban e skin

CLASSIFICA

E lo saluto!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: