[W20] Day 11&12 – DAMWON e Suning davanti a tutti

Copertina-D5&6-Suning

Venghino i signori! Stimolato da Black Friday e Cyber Monday vari anche qui si apre il periodo delle offerte incredibili. Ho deciso di riassumere in 2 pezzi le quattro giornate di ritorno della fase a gironi del mondiale 2020. Questa scelta è possibile grazie al formato della competizione internazionale perchè ogni singolo giorno di sfide è dedicato ad un solo girone. In sostanza ciò vuol dire che i promossi alla fase successiva del girone A verranno svelati l’8 Ottobre; il 9 toccherà al B; di conseguenza il 10 sarà la volta del gruppo C; infine, il raggruppamento D terminerà l’11.

Data tale disposizione ho deciso di unire i primi due gruppi nel seguente articolo e gli altri due nel successivo. Quindi, per farla breve oggi farò la sintesi delle sfide tra Suning, G2, TL e Machi (A) e DAMWON, JDG, PSG Talon e Rogue (B). Nonostante i giochi siano ancora aperti e la matematica non abbia escluso nessuno dalla qualificazione, nei due raggruppamenti si respira un’aria diversa. Nel primo le porte ai colpi di scena sono spalancate perchè G2 e Suning sono si al comando ma con una sola lunghezza di distanza dagli inseguitori; nel secondo, invece, i DAMWON la fanno da padroni e gli basta una singola vittoria per strappare il pass per gli ottavi di finale.

andata-gironi-ab-suning
Le classifiche dei due gruppi al termine dell’andata.

Qualificazione complicata ma non impossibile per Team Liquid e Machi, entrambe le squadre hanno dimostrato di poter dare più fastidio del previsto alle favorite. I campioni della PCS possono fare affidamento sull’onnipresenza del jungler Gemini e su un early game molto oppressivo; gli Stalloni, dal canto loro, si sono rivelati ardui da abbattere quando gli viene concessa la possibilità di fare il loro gioco, inoltre, possono contare su un quintetto d’esperienza e qualità escluso l’esordiente Tactical che ha già fatto vedere di che pasta è fatto durante i Play-In.

Nel girone B, se i coreani sono già ad un passo dal knockout stage, i cinesi dei JDG sono sulla loro scia. Infatti, nonostante la sconfitta nello scontro diretto, i finalisti della LPL non hanno fatto sconti alle altre contendenti imponendo il loro stile e confermando le previsioni. Tornando indietro a quei giorni non avevo delle buone sensazioni riguardo ai Rogue e sono passato dall’estasi nel vederli proporre una fase iniziale aggressiva al timore che questa fosse l’unica strategia che potessero mettere in campo. Situazione opposta invece per i PSG, dati per spacciati da molti senza Kongyue e Uniboy ma che secondo me non avevano ancora tirato fuori il loro meglio.

GIR. A – I SUNING NON SONO QUI IN GITA

Il nostro racconto inizia dalla squadra che più mi ha sorpreso, i Suning. Con il progredire delle partite le mie prime sensazioni, messe inizialmente da parte, trovano conferme. Il quintetto cinese si dimostra in forma e lo hanno ribadito facendo della landa il loro territorio; al punto da sconfiggere per 2 partite consecutive l’armata europea di Grabbz. La squadra di coach Chanshao, non mostra punti deboli, inoltre, ognuno dei suoi componenti appare in grado di prendersi i compagni sulle spalle. Bin se prende vantaggio nelle fasi iniziali diventa una macchina inarrestabile in grado di capovolgere da solo le sorti di un teamfight; SofM e le sue build peculiari continuano a trovare successi; Angel è una certezza, che venga pressato o lasciato libero di giocare. il suo apporto non manca mai; sulla botlane non c’è tanto da aggiungere, SwordArt con Bard è ancora imbattuto ed i suoi “Destino immobile” sono calibrati al pixel e huanfeng trasforma qualsiasi campione nella sua controparte offensiva.

Altro team che rispetta le mie aspettative sono i G2. Perchè, nonostante fossero stati dipinti come i favoriti alla prima posizione, “conoscendo” i Samurai dubitavo che avrebbero giocato il girone mostrando subito le loro carte migliori; il che va a rispecchiare la loro filosofia del non dover obbligatoriamente dominare ogni partita ma adattarsi in corsa a quello che è il meta ed i loro avversari. Ciò, inoltre, è un segnale di grande fiducia nei mezzi dei propri giocatori e permette di voltare rapidamente pagina dopo una sconfitta. Breve accenno ai singoli che non è altro che una ripetizione dei tempi del LEC. Caps e Perkz continuano ad essere il recipiente preferito dove depositare le risorse, Wunder è una costante, così come Mikyx, e Jankos si sta adattando ai nuovi jungler non facendo mancare il suo apporto nelle tre corsie.

classifica-definitiva-suning
La classifica definitiva del gruppo A con Suning e G2 qualificati al turno successivo. Fonte Lolesports

I TL ci hanno messo un po’ a carburare ma, finalmente, nel girone di ritorno si sono fatti riconoscere. Si perchè, meme a parte, dopo il bel Play-In non potevo pensare che gli Stalloni facessero le belle statuine e non vendessero cara la pelle. Fortunatamente queste mie speranze sono state confermate dalle performance dei nordamericani che hanno dimostrato di poter sopperire al gap in capacità meccaniche con il gioco di squadra. Escluso il match con i G2, i quali hanno fatto tesoro della sconfitta dell’andata, Broxah e compagni hanno battuto sia i Suning che i Machi; portandosi quindi ad un passo dal tie-break con i cinesi per il passaggio del turno. Si, Impact e CoreJJ hanno attivato il “buff worlds” ma questo non sarebbe bastato senza l’apporto degli altri membri del team. Tactical è stato uno dei più lesti a riscuotere le taglie non appena se ne presentava l’oppurtunità; Jensen, infine, è stato una sicurezza, a suo agio sia con i maghi sia con i tank.

Esce sconfitto da questo girone il mio amore per gli underdog vista la fine fatta dai Machi. Fino alla prima partita ero ancora fiducioso ma, non appena ho saputo che Gemini ha dichiarato che i taiwanesi non si aspettavano nemmeno di ottenere 1 punto, mi sono detto «Niente, il sogno di vedere un’esponente della PCS ai quarti si ferma qui». Mountain ed i suoi ragazzi, purtroppo, hanno mostrato un singolo piano di battaglia che, una volta riconosciuto dagli avversari non ha più dato i frutti sperati. Come nelle sintesi precedenti Gemini e PK sono stati i fulcri delle azioni taiwanesi e quelli che hanno fatto vedere le migliori cose; Mission se messo sotto pressione non riesce a dare il meglio; Koala e Bruce provano in più occasioni a dettare i tempi delle aggressioni ma raramente funzionavano.

GIR. B – È PARTITO IL TRENO DAMWON

Diamo a Cesare quel che è di Cesare, i bookmakers ci hanno visto lungo sui DAMWON. I campioni della LCK passano senza problemi alla fase ad eliminazione diretta conquistando la prima posizione nel girone. Rivedendo le loro partite, i coreani trasmettono la stessa sicurezza dei Suning ma con una maggiore maturità. I giocatori non impongono il loro dominio fin dalle battute iniziali di gioco ma non appenna aggiuntano un vantaggio, monetario o strutturale che sia, la squadra di coach Zefa non lo molla più. Nuguri, come detto già per altri toplaner di livello, non ha bisogno di grosse attenzioni, si gestisce la corsia da sè e quando c’è da ingaggiare non fa mai mancare il suo apporto; Canyon è onnipresente; ShowMaker, nonostante il nome, agisce, per il momento, lontano dalle luci della ribalta; Ghost, trova dei posizionamenti incredibili concludendo in 2 partite su 3 senza morire; infine, BeryL ha avuto dei momenti barbini ma anche lui si è fatto valere.

classifica-definitiva-damwon
Classifica finale, DAMWON e JDG rispettano i pronostici ed accedono agli ottavi. Fonte Lolesports

Alle spalle della Corea troviamo i JD Gaming. Il team cinese conquista, anche lui, con agilità il passaggio al Knockout Stage ma in maniera meno convincente rispetto alla squadra precedente. Esclusa la gara con i Rogue, condotta magistralmente, le sfide con DAMWON e PSG mi hanno dato un po’ da pensare; specialmente paragonandoli con i connazionali dei Suning. Perchè a differenza di quest’ultimi, gli ultimi matches non sono stati particolarmente puliti. Volendo escludere quella contro i taiwanesi dove non gli è stata data la possibilità di giocare, la vittoria contro i coreani ha evidenziato delle difficoltà nel chiudere le partite.

Con un punteggio finale di 2-4 conquistano la 3ª piazza i PSG Talon con un girone di ritorno che lascia tutti a bocca aperta. Nonostante le prime 3 lettere del loro nome, questa è stata una delle squadre che mi ha dato maggiori soddisfazioni in questo Mondiale, sia per il loro percorso che per le giocate effettive. Perchè con tutti i problemi che hanno dovuto affrontare durante questa competizione (qui per approfondire) ed i dubbi sul loro successo, prima nei play-in e poi nel group stage, escono dal girone a testa Alta. River e Tank, dopo il riscaldamento della fase d’andata, mostrano il loro vero valore nelle gare di ritorno. Emblematiche le sfide contro Rogue e JDG dove i taiwanesi prendono il controllo del match nelle prime fasi e non lo lasciano, schiacciando gli avversari sotto il loro pressing. Inoltre, la vittoria contro i cinesi ha costretto quest’ultimi ad “accontentarsi” della seconda posizione e permesso ai DAMWON di affrontare lo scontro al vertice con maggiore leggerezza.

Chiudo questa epopea giornaliera con i Rogue. I paladini europei, di questo gruppo, si sciolgono come neve al sole; vuoi per inesperienza, Hans Sama, Vander e fredy122 esclusi, o per tattiche di gioco facilmente leggibili per gli avversari ma quello che ho percepito io era che mancasse il mordente. Nel rivedere il percorso dei nostri portacolori ho dovuto cambiare la mia idea iniziale; passando da “hanno perso perchè avevano un solo piano” a “c’erano più tattiche studiate ma non sono andate bene”. Si, perchè inizialmente ho visto solo aggressioni iniziali per poi mantenere il vantaggio acquisito ma non penso sia andata così. Poichè, anche nella fase d’andata, c’è stata una buona alternanza tra composizione da early e late game, fase tanto cara ad Hans Sama. E basta, come per i JDG non ho nient’altro da aggiungere vostro onore.

Di riffa o di raffa ce l’ho fatta a concludere quella che è diventata ormai un’epopea, non più il racconto del Mondiale. L’obiettivo rimane quello di terminare prima dell’inizio del prossimo LEC in programma il 22 Gennaio 2021. Ce la farò? Ai posteri l’ardua sentenza.

E lo saluto!

Fonti:
Img copertina: Street market near Yuyuan gardens
Info generali: Leaguepedia
Statistiche: Games of Legends
Highlights (youtube): Onivia

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: